Retail 4.0: evoluzione della distribuzione e ruolo delle tecnologie digitali

26 Maggio 2017

La recente analisi di McKinsey dal titolo “Retail 4.0: The future of retail” riassume il percorso che i i principali brand  hanno intrapreso per rivedere modelli di crescita e sviluppo, aprendo una nuova era che utilizza efficacemente le tecnologie legate all’IoT, con l’obiettivo di personalizzare ogni servizio. Lo studio descrive  quali sono state le tappe dell’evoluzione del commercio, partendo dalla definizione di supermercato per arrivare ai nostri giorni con l’avvento della multicanalità, visto che il consumatore vive sempre di più una doppia vita,  analogica e digitale, e sotto  l’influenza di mezzi diversi, di nuovi media (il social) e  la mobility.

L’obiettivo è quello di  arrivare a personalizzare i processi di vendita, attraverso nuovi sistemi di tracciabilità, dalla produzione alla distribuzione, dalla vendita alla post vendita,  per garantire qualità dei dati,  movimentazione dei prodotti, lo Smart control, lo Smart marketing, lo Smart payment e lo  Smart infotainment.

Per ulteriori informazioni, consigliamo l’articolo EconomyUp.it

Il digitale al centro della ripresa italiana

11 Maggio 2017

Secondo i nuovi dati Assintel,  la crescita del comparto IT nei primi tre mesi dell’anno è pari a  +3,9% con una stima di incremento complessivo del +3,7% su base annua .

Il ruolo più consistente in questa crescita è legato ai  Big Data, Internet of Things, Cybersecurity e Customer Journey ( in crescita del 13,7%), così come  il cloud, che continua ancora la sua corsa con un aumento del 18,9% nel primo trimestre dell’anno.

Le maggiori crescite si registrano nei settori utility, logistica, e assicurazioni, anche se i settori dove si investe di più sono quello bancario e industriale. Male gli enti locali. Rimangono consistenti le differenze tra Nord e Sud.


Per ulteriori informazioni, consigliamo l’articolo di BitMat

Crescono gli investimenti in PR

6 Marzo 2017

Piu 4% gli investimenti in PR nel 2017. E’ quanto emerso da una ricerca promossa da Assorel e realizzata da Nielsen, su un campione di 300 aziende medio-grandi: le imprese italiane tornano a mettere al centro dei piani aziendali l’importanza della comunicazione, e considerano le PR una leva strategica per il business.

In un mercato sempre in evoluzione, nel quale internet, stampa ed eventi sono i maggiori canali nei quali le aziende italiane investono in attività di PR, fondamentali per la scelta di un partner sono l’affidabilità, la capacità di proporre servizi dedicati e la proattività.

Ad affiancare le PR classiche, cresce l’utilizzo del canale internet: azioni su social media, motori di ricerca, video advertising,ecc, con  ripercussioni anche  sul lavoro stesso delle agenzie.

Per ulteriori informazioni, consigliamo l’articolo di Spot and Web